Come riconoscere e distinguere i tessuti. Le fibre

Come riconoscere e distinguere i tessuti. Le fibre

Come riconoscere e distinguere i tessuti. Le fibre

Sapere come riconoscere e distinguere i tessuti è importante per diversi motivi. Un tessuto può piacerci al tatto e alla vista e, per questo, istintivamente, decidiamo di acquistarlo sebbene non abbiamo idea di cosa farci. A volte, invece, seguendo le indicazioni sui cartamodelli cartacei o digitali, acquistiamo il tessuto senza una vera e propria conoscenza delle sue caratteristiche strutturali.

Se, però, toccate e osservate con attenzione le stoffe noterete che le fibre che lo compongono determinano e differenziano la loro tipologia di appartenenza. Anche la tipologia di tessitura, l’armatura, i fili che creano trama e ordito, possono darci informazioni utili.

In generale, le fibre che compongono i tessuti sono naturali o chimici. In base alla tipologia è importante rispettare il tipo di lavaggio, la stiratura e asciugatura. Ecco cosa sapere.

Tessuti in cotone

Come riconoscere e distinguere i tessuti naturali

I tessuti naturali sono costituiti da materiali di origine animale o vegetale. Nelle loro fibre non sono presenti altri elementi che alterano la loro struttura. Più costosi rispetto a quelli chimici, la caratteristica del tessuto naturale è la resistenza, la traspirabilità, la leggerezza e la morbidezza.

Alla categoria dei tessuti naturali di origine animale appartengono la seta, la lana, l’angora, il cachemire, l’alpaca, il mohair, il cammello e il lambswool. Feltro e pannolenci nascono da tecniche di infeltrimento di queste fibre naturali. Di origine vegetale sono il cotone, il lino, la canapa, la juta, il ramiè.

Tessuti sintetici

Come riconoscere e distinguere i tessuti chimici

La categoria delle fibre chimiche nascono dalla lavorazione delle fibre naturali con composti chimici. Questi tessuti sono usati per confezionare lingerie, impermeabili, giubbotti, abbigliamento sportivo e per l’arredamento. Più economici rispetto ai tessuti naturali, questa tipologia di stoffe sono particolarmente resistenti, robusti, morbidi e non si sgualciscono facilmente. I tessuti chimici si dividono in tessuti artificiali e sintetici.

Ai tessuti artificiali appartengono l’acetato e la viscosa; ai sintetici, invece, il poliestere, il poliammide, il nylon, la lycra, l’elastan, l’alcantara, il tulle, lo chiffon, l’ecopelle e l’acrilico.

Credits e note

Scrivete nei commenti o inviate un messaggio a creativain.gb@gmail.com per qualsiasi informazione. Condividete e menzionatemi come fonte sul vostro progetto. Schemi e articoli non possono essere copiati e venduti ma solo condivisi e realizzati citando la redazione. Grazie. CreativaIn© – Giovanna Barone

Come seguirmi:

Salva

Salva

Creativa In

Creativa In

Ciao, benvenuti! Mi chiamo Giovanna Barone e sono una giornalista e insegnante per professione. Questo blog, testata giornalistica online, nasce per condividere con voi la mia passione per l’handmade e la creatività a 360°. Curiosando e cercando tra gli articoli proposti nelle varie categorie potrete trovare diverse idee, schemi, tutorial da cui trarre ispirazione. Gli articoli non possono essere copiati e venduti ma solo condivisi e realizzati liberamente. Una volta realizzato il progetto, menzionatemi come fonte. Contattatemi per qualsiasi informazione. Grazie, Creativa In©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *