Categoria: Uncinetto

Esistono diversi tipi e misure di uncinetto; la scelta dipende dalla tecnica che si intende utilizzare e dallo spessore del filato.

La tecnica del crochet ha origini molto antiche e si base sulla lavorazione di punti semplici o complessi. La lavorazione ad uncinetto avviene attraverso degli schemi che si ripetono o variano in base al disegno o il modello che si vuole eseguire. Per poter realizzare progetti unici e personalizzati è fondamentale conoscere i punti base dell’uncinetto. Con questa tecnica, infatti, possiamo lavorare i filati di ogni tipo e realizzare capi d’abbigliamento, accessori e gioielli, componenti d’arredo, addobbi e decorazioni per ogni occasione; si possono fare anche bambole e pupazzi di lana e cotone.

Quello classico è un bastoncino di circa 20 cm che può essere fatto di diversi materiali; tra questi, il legno, il bamboo, il metallo, l’alluminio e la plastica. In commercio si trovano anche uncinetti ergonomici che rendono la lavorazione meno stressante per le nostre articolazioni. Su una delle estremità dell’attrezzo si trova un uncino attraverso cui prendiamo il filo e lavoriamo le maglie.

Oltre al classico uncinetto, troviamo anche i diversi tipi di uncinetto tunisino. Il più usato e conosciuto si presenta con un uncino su un lato e una chiusura come i ferri da maglia sull’altro lato. C’è poi quello a punta doppia che ha un uncino su entrambi i lati del bastoncino. Un’altra versione è l’uncinetto con asola. Noto anche come locker hook, si presenta con un uncino su un’estremità e una cruna sull’altro lato.

L’uncinetto smirne è utilizzato per fare tappeti ma anche per realizzare delle applicazioni con la tecnica freeform.